Modello ICRIC e ICLAV: che cosa sono e come si presentano tramite CAF

Modello ICRIC e ICLAV: che cosa sono e come si presentano tramite CAF

Modelli ICRIC ed ICLAV: i titolari di prestazioni legate all’invalidità civile e di assegno/pensione sociale che devono presentarlo, quando e come.

Per l’accesso ad alcune prestazioni assistenziali, i residenti in Italia e all’estero devono presentare all’INPS ogni anno la dichiarazione reddituale, la comunicazione di responsabilità e l’invio di altri modelli (RED, ICRIC, ICLAV e ACCAS/PS) per attestare la permanenza, o meno, dei requisiti amministrativi previsti dalla legge per il loro riconoscimento (articolo 1, legge 23 dicembre 1996, n. 662, e legge 24 dicembre 2007, n. 247).

Coloro che percepiscono prestazioni legate all’invalidità civile e i titolari di assegno/pensione sociale devono presentare il Modello Invalidità Civile Ricovero (modello ICRIC) per dichiarazioni relative a eventuali ricoveri gratuiti e il Modello Invalidità Civile Lavoro (modello ICLAV) per le dichiarazioni sullo svolgimento di attività lavorativa.

I modelli, che dal 2015 possono essere inviati solo in modalità telematica, devono essere presentati per:

  • lo stato di ricovero dei titolari delle prestazioni di invalidità civile (modello ICRIC);
  • lo stato di ricovero dei titolari delle prestazioni di indennità di frequenza e per le informazioni sulla frequenza d’istituzione scolastica (ICRIC Frequenza);
  • lo svolgimento o meno di attività lavorativa per i titolari delle prestazioni di invalidità civile (ICLAV).

Il Modello ICRIC (Invalidità Civile RICovero) è  un’autocertificazione che tutti gli invalidi civili in possesso di indennità di accompagnamento o di frequenza devono produrre in caso di eventuali ricoveri a fini riabilitativi i cui costi sono a totale carico dello Stato. Sono  esclusi i ricoveri per cure di patologie. Sulla base dei giorni di ricovero dichiarati con il modello ICRIC viene ricalcolata l’indennità che viene proporzionalmente ridotta. In caso di dichiarazioni errate o false può essere revocato il diritto alla prestazione.

minori titolari di indennità di accompagnamento o di frequenza devono presentare il modello ICRIC, per dichiarare eventuali periodi di ricovero o, in caso di minori di età compresa tra i 5 e i 16 anni, la frequenza scolastica obbligatoria (va indicata l’eventuale variazione, per esempio per cambio di scuola) o la frequenza di centri ambulatoriali.

Il Modello ICLAV (Invalidità Civile LAVoro) riguarda i disabili con grado di invalidità riconosciuto tra il 74% e il 99% (sono quindi esclusi quindi quelli al 100%) titolari di assegno mensile in qualità di invalidi civili e serve per dichiarare l’esistenza di una eventuale attività lavorativa e l’importo di eventuali compensi ricevuti. Gli inabili intellettivi o psichici non devono presentare la dichiarazione, ma un certificato medico attestante l’indicazione delle patologie.