Polizze Vita dormienti : L’IVASS incrocia i dati con Agenzia Entrate

Polizze Vita dormienti : L’IVASS incrocia i dati con Agenzia Entrate

Polizze vita dormienti, incrocio dei dati fra l’Ivass e l’Agenzia delle Entrate.

Al via il pagamento del dovuto ai legittimi beneficiari.

L’Ivass ha reso noto che, grazie alla collaborazione avviata con l’Agenzia delle Entrate, sarà da oggi possibile effettuare l’incrocio tra i codici fiscali degli assicurati di polizze vita dormienti con l’Anagrafe Tributaria.

L’obiettivo è quello di verificare l’eventuale decesso degli assicurati e la relativa data. Una indagine dell’Istituto di vigilanza, infatti, aveva confermato il fenomeno delle polizze non reclamate in forma estesa.

L’Ivass restituirà i dati incrociati alle imprese di assicurazione in modo che possano ricercare i beneficiari e pagare le polizze.

Il primo incrocio sarà effettuato nel mese di marzo 2018.

Un test di incrocio svolto a settembre scorso su un campione di 12 imprese e 101.242 polizze vita di assicurati (con età superiore a 90 anni) ha consentito di trovare ben 15.789 polizze dormienti, relative a 11.289 assicurati.

Per tali polizze, comunica l’Ivass, “le imprese stanno procedendo, direttamente e tramite i loro intermediari, a contattare i beneficiari”.