Reddito di Inclusione: domanda e requisiti

Reddito di Inclusione: domanda e requisiti

Domande per il reddito di inclusione: modelli e istruzioni INPS, nella Legge di Bilancio 2018 i nuovi requisiti per potenziare il Rel.

Mentre la manovra di Bilancio prevede un ampliamento della platea degli aventi diritto al Reddito di Inclusione, dal primo dicembre si è aperta la possibilità di presentare la domanda per ottenere il ReI. Si tratta della misura di contrasto alla povertà introdotta dal dlgs 147/2017, che dal prossimo primo gennaio 2018 sostituisce il SIA (sostegno per l’inclusione attiva). La circolare applicativa INPS (172/2017) contiene tutti i dettagli per utilizzare la misura e la procedura per presentare la domanda.

Sussidio ReI

Da gennaio 2018 il sostegno all’inclusione attiva (SIA) e l’assegno di disoccupazione (ASDI) per i disoccupati a fine NASpI verranno sostituiti dal nuovo ReI, parametrato alla situazione economica del richiedente (misurata dall’ISEE), alla composizione del nucleo familiare, e alla disponibilità a intraprendere un percorso di inserimento lavorativo e sociale, e consiste in un beneficio economico e in una componente di servizi alla persona.

Il beneficio viene versato dall’INPS, al termine della procedura, attraverso la Carta Acquisti. La componente economica del Rel varia a seconda della composizione del nucleo familiare, da un minimo di 190 euro al mese per una persona singola a un massimo di 490 euro per famiglie con almeno cinque componenti, per 12 mensilità.

Domanda ReI

La domanda si presenta compilando l’apposito modello, da consegnare a un punto di accesso identificato dallo stesso ente locale. Sono i Comuni che devono identificare i punti di accesso e renderli noti entro 90 giorni dal 14 ottobre, data di entrata in vigore del dlgs. Nel frattempo è possibile presentare domanda direttamente al Comune.

I Comuni, entro 15 giorni dalla ricezione della domanda, inviano comunicazione telematica all’INPS, dopo aver controllato il rispetto dei requisiti di residenza e composizione del nucleo familiare. L’INPS ha poi altri 5 giorni di tempo per comunicare l’esito delle ulteriori verifiche a proprio carico. A questo punto, ci sono altri 20 giorni di tempo per predisporre e far firmare al destinatario il progetto personalizzato di inclusione.  Limitatamente al 2018, in considerazione della fase di avvio della misura, l’INPS versa il ReI anche in mancanza della sottoscrizione del progetto personalizzato, che però deve essere effettuata e comunicata entro sei mesi dal primo versamento. Se questo non succede, viene sospeso il trattamento.

ISEE aggiornato

Attenzione: se il richiedente non è già titolare SIA, nel momento in cui la domanda viene accolta deve aggiornare l’ISEE entro il primo trimestre 2018, pena il decadimento dal beneficio. Chi invece presenta domanda dal primo gennaio, deve avere già l’attestazione ISEE 2018. Coloro che hanno esaurito la fruizione del sostegno per l’inclusione attiva entro il primo dicembre 2017, e hanno i requisiti per chiedere il ReI, avranno un bimestre aggiuntivo di SIA, in modo da poter aver il tempo di chiedere e ricevere il ReI senza avere mensilità scoperte. Ricordiamo che il periodo di Sia fruito viene sottratto alla durata del ReI, che può arrivare al massimo a 18 mesi.

Novità in Legge di Bilancio 2018

Il ReI viene allargato alle famiglie in cui sia presente un disoccupato con almeno 55 anni, quindi decade il precedente paletto legato alla tipologia della cessazione del rapporto di lavoro, per licenziamento o dimissioni per giusta causa. La misura viene quindi estesa, ad esempio, a coloro che perdono il lavoro per scadenza del contratto a termine. Questo comunque vale solo fino al primo luglio, 2018, data dalla quale vengono eliminati tutti i requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare, quindi il diritto al reddito di inclusione dipende sostanzialmente dalle condizioni economiche.

La precedente formulazione limitava il beneficio alle presenza in famiglia di figli minori o con disabilità o di una donna in gravidanza, oppure di un disoccupato con almeno 55 anni. Infine sale il massimale annuo, che diventa del 10% superiore all’assegno sociale, per le famiglie composte da almeno cinque persone,. Quindi, il tetto Isee per l’accesso al reddito, per le famiglie numerose, diventa pari a 6mila 406,4 euro.