Dichiarazione di successione

Dichiarazione di successione

La successione: che cos’è

La dichiarazione di successione consiste in una serie di adempimenti che l’erede, il chiamato all’eredità, il legatario, deve eseguire in conseguenza del decesso del De Cuius, per procedere al trasferimento delle attività e passività agli eredi sia per legge che testamentari. La dichiarazione va presentata entro un anno dalla data del decesso all’Agenzia delle Entrate competente territorialmente (ultima residenza del de cuius).

Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione il coniuge o i parenti in linea retta, se la successione non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari, e il valore globale dell’asse ereditario lordo non supera i 100.000€.

Sul valore dei beni caduti in successione gravano le imposte successoria, catastale e ipotecaria, che vanno pagate in autoliquidazione prima di presentare la denuncia all’Agenzia delle Entrate.

La voltura catastale

Successivamente, o contestualmente, alla presentazione della denuncia di successione, occorre presentare domanda di voltura catastale, al fine di aggiornare gli atti conservati in Catasto. Questo vale tanto per i terreni che per i fabbricati.

La CSO TEAM offre un servizio completo di gestione della pratica successoria, nella fase di compilazione della dichiarazione, calcolo delle imposte, presentazione della denuncia, e domanda di voltura catastale.

Documenti necessari

  • Documento d’identità e codice fiscale del de cuius e degli eredi
  • Certificato di morte del de cuius, con data e luogo del decesso
  • Certificato di ultima residenza del de cuius
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, rilasciata dall’erede che presenta la dichiarazione, in cui sono indicate gli estremi dell’atto di morte, gli eredi, il tipo di successione (legittima o testamentaria) ed il regime patrimoniale dei coniugi
  • Copia del testamento autenticata dal notaio, in caso di successione testamentaria, eventuale atto di rinuncia all’eredità ai sensi dell’art.519 c.c.
  • Prospetto di autoliquidazione delle imposte ipotecaria e catastale e ricevuta di pagamento tramite mod. F23 (dal 1 aprile 2016, anche con mod. F24)
  • Atto di compravendita, successione, donazione, o altro, che attesti la provenienza degli immobili intestati al de cuius, ed e ventuale altra documentazione relativa ai beni immobili in oggetto (ad esempio, planimetria, recenti variazioni, ecc.)
  • Certificato di destinazione urbanistica dei terreni di proprietà del de cuius
  • Dichiarazione della banca o delle Poste per conti correnti bancari e postali e titoli, se presenti nell’asse ereditario
  • Copia del contratto di mutuo e mod. 237 per inserire i mutui tra le passività, se presenti nell’asse ereditario
  • Ultimo modello 730 o Unico presentato dal de cuius
  • Fatture relative alle spese sostenute per il funerale, se pagate da un erede e se è dovuta imposta di successione